Catanzaro, fornitura acqua: 19 milioni di debito verso la Regione

di Luana  Costa
1 condivisioni
  lunedì 20 marzo 2017   15:10
L’amministrazione comunale ha stipulato una transazione rateizzando gli importi per i prossimi vent’anni
Pubblicità

La partita che riguarda il pagamento delle somme riferibili alla fornitura dell’acqua è tutt’altro che chiusa per il comune di Catanzaro. Lo scorso maggio il dipartimento Infrastrutture, Lavori pubblici e Mobilità della Regione Calabria ha infatti messo a punto una ricognizione dei residui attivi nel bilancio regionale tirando le somme dei crediti che questa ancora vanta nei confronti dei comuni per la fornitura dell’acqua nel periodo che va dal 1981 al 2004.

 

Dalla verifica è saltato fuori un debito di 19 milioni di euro maturato da Palazzo De Nobili a partire dal 1997 fino al 2004 e a cui adesso si cerca di mettere una toppa. Il bilancio comunale non è infatti nelle condizioni di sostenere un simile esborso ragion per cui venerdì scorso la giunta si è riunita per approvare un “piano di estinzione del debito per la somministrazione idropotabile per il periodo 1981-2004”. In particolare, la delibera altro non è se non una transazione concordata con il dipartimento regionale attraverso cui il comune riconosce il valore dell’importo – per mesi contestato – impegnandosi a saldare il debito nei prossimi anni.

 

In sintesi, il Comune ha chiesto la rateizzazione del debito spalmandolo in vent’anni: a partire dal 2017 e fino al 2036 Palazzo De Nobili dovrà versare entro il 31 dicembre di ogni anno un importo pari a 950mila euro accettando la clausola che prevede il decadimento del beneficio nel caso in cui si verifichi il mancato pagamento di due rate consecutivamente.

 

Luana Costa

TAG
acqua debito regione comune 19 milioni catanzaro
Pubblicità
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Articoli Correlati

Calenda-Oliverio, lo scontro è su Twitter

Botta e risposta tra il ministro dello sviluppo economico Carlo Calenda e il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio. Il primo rinfaccia al secondo di averlo visto una sola volta e per sbaglio. Il secondo gli ricorda la firma dei contratti di sviluppo avvenuta nel luglio scorso

Ap vira verso il centrodestra. Trema il Pd calabrese

Sulla valutazione di Ap hanno certamente influito alcuni fattori determinanti inerenti lo stato del Pd. Innanzitutto la debolezza di Matteo Renzi. Per il Partito democratico calabrese potrebbe essere una catastrofe. Nel centrodestra però si presenta difficile anche la coabitazione tra due personalità della caratura di Occhiuto e Gentile
Pubblicità