giovedì 14 novembre 2019   18:35

Fuscaldo, armato di pala minaccia di morte la moglie: arrestato

L'uomo non avrebbe accettato la fine del matrimonio. In precedenza era stato raggiunto da un'ordinanza di divieto di avvicinamento alla donna per maltrattamenti in famiglia

di Francesca  Lagatta
86 condivisioni

Ennesimo dramma famigliare a Fuscaldo. Ieri sera un uomo di 50 anni è stato arrestato dai carabinieri dell'aliquota radiomobile della Compagnia di Paola perché con una pala aveva tentato di abbattere il cancello dell'abitazione nella quale vive la moglie, dalla quale si sta separando. L'uomo, inoltre, avrebbe rivolto alla consorte esplicite minacce di morte. Di qui, la telefonata al 112, che ha sollecitato l'intervento. Secondo quanto trapelato, l'uomo non avrebbe accettato la decisione della moglie di mettere fine al loro matrimonio.

Già allontanato per maltrattamenti in famiglia

L'uomo arrestato ieri notte era già stato raggiunto da un'ordinanza di divieto di avvicinamento alla donna per maltrattamenti in famiglia. Il provvedimento era stato emesso dal gip del tribunale di Paola, che evidentemente aveva rinvenuto nell'uomo una condotta tendenzialmente pericolosa.

Attivato il "codice rosso"

La denuncia di ieri della donna, che dall'altro capo del telefono ha descritto ciò che stava avvenendo sotto casa, ha fatto scattare il "Codice Rosso", il provvedimento che prende il nome dall'omonima legge, finalizzato alla repressione della violenza domestica e di genere. Oltre a violare la misura cautelare del giudice, l'uomo ha anche cercato di opporre resistenza ai militari giunti sul posto, ma inutilmente. Per lui sono immediatamente scattate le manette ai polsi. L'arrestato, poi, è stato tradotto in caserma per i controlli di rito e ristretto in camera di sicurezza, in attesa di essere processato con rito direttissimo al tribunale di Paola.

TAG
codice rosso maltrattamenti in famiglia Fuscaldo minacce di morte pala

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: