venerdì 22 novembre 2019   17:49

Violenza sulle donne: in Italia un caso ogni quindici minuti

Le vittime e i carnefici sono soprattutto italiani. Questi i dati nazionali presentati dalla polizia di Stato nel rapporto "Questo non è amore 2019"

di Redazione
771 condivisioni

In Italia ogni giorno ottantotto donne sono vittime di violenza, un caso ogni quindici minuti. Le vittime sono soprattutto di nazionalità italiana (l'80,2 per cento dei casi) così come i carnefici (74 per cento dei casi). Nell'82 per cento delle volte chi fa violenza su una donna non deve introdursi con veemenza nell'abitazione, ha le chiavi di casa o gli si apre la porta. È infatti quasi sempre il compagno o un conoscente. È questa la fotografia della violenza di genere in Italia stando ai dati nazionali presentati dalla polizia di Stato nel rapporto "Questo non è amore 2019". L'incontro, organizzato dalla Direzione centrale anticrimine, è stato voluto in occasione della Giornata internazionale contro la violenza di genere del 25 novembre.

Un fenomeno che, comunque, nel biennio 2018-2019 appare in diminuzione: «Calano del 16,7 per cento le violenze sessuali (nel 2017 erano in aumento del 14 per cento), -2,9 per cento i maltrattamenti in famiglia, -12,2 per cento gli atti persecutori. Rispetto al 2018, nel periodo gennaio-agosto 2019 diminuisce del 4 per cento il numero di vittime di sesso femminile sul totale degli omicidi, si passa infatti dal 38 per cento al 34 per cento».

In questo quadro, il femminicidio, che a fini operativi è stato definito come un atto criminale estremo perpetrato in danno della donna in ragione del proprio essere, fa registrare un aumento percentuale: si passa dal 37 per cento di femminicidi sul totale delle vittime di sesso femminile del 2018, al 49 per cento nel periodo gennaio-agosto 2019. Nel 61 per cento dei casi l'autore del femminicidio è il partner e l'arma da taglio è la più utilizzata.

TAG
Violenze maltrattamenti

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: