venerdì 6 marzo 2020   07:23

L’Oms sul coronavirus: «Non è ancora pandemia ma segnali preoccupanti»

L'Organizzazione mondiale della sanità: «Alcuni paesi hanno dimostrato che il virus può essere contenuto. Non dobbiamo arrenderci»

di Redazione
Condividi

«Stiamo registrando molti casi in Paesi con servizi sanitari deboli e questo mi preoccupa. La situazione può evolvere in pandemia e alcuni dicono che siamo quasi vicini a questo. Può essere vero, la situazione può peggiorare e diventare una pandemia. Ci sono paesi però che hanno mostrato che questo virus può essere contenuto, quindi non dobbiamo arrenderci e adottare un approccio globale». Lo ha affermato il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus.

 

«Con l'influenza - ha spiegato - c'è una diffusione del virus incontrollabile. Dall'H1n1 fu colpito quasi 1 miliardo di persone. Se la situazione cambierà, sulla base di evidenze scientifiche, non avremo problemi a farlo, ma non siamo ancora a questo punto, anche se ci sono molti segnali preoccupanti, come il fatto che il virus si stia diffondendo in Paesi con servizi sanitari deboli. Ma non per questo dobbiamo rinunciare fino all'ultimo sforzo».

LEGGI ANCHECoronavirus, cosa c'è da sapere: un video per spiegare l’infezione

Michael Ryan, a capo del Programma di emergenze sanitarie dell'Oms, ha aggiunto che «una pandemia è qualcosa di incontrollabile e incontrollato. Ma alcuni Paesi hanno dimostrato che il nuovo coronavirus è controllabile e se si contiene si dà tempo ai sistemi sanitari di assistere e salvare vite. C'è una chance di controllarlo».

 

 

 

TAG
coronavirus italia oms sanita

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: