martedì 14 aprile 2020   14:21

Sanificazione da operatori privi dei requisiti, Anid pronta ad azioni legali

L'Associazione nazionale delle imprese di disinfestazione comunica di aver inviato formale diffida

Condividi

«In questi giorni sono pervenute in segreteria numerose notizie su operazioni di sanificazione-disinfezione, in ambienti confinati e non, operate da aziende prive dei requisiti previsti. Sull’argomento l'Associazione nazionale delle imprese di disinfestazione è attiva sin dall’inizio dell’emergenza in corso, e molte sono state le segnalazioni di abusi trasmesse alle autorità competenti».

È quanto si legge in una nota firmata dall'associazione Anid. «A tal proposito, inoltre, è stata inviata anche formale diffida dal mettere in atto detti lavori a società ed organizzazioni prive dei requisiti di legge. Assodato, quindi, che le attività di disinfezione e sanificazione, come definite all’art. 1, comma 1, lettere b) ed e) del DM 274/97, sono di esclusivo appannaggio delle aziende in possesso dei requisiti di cui al succitato DM 274/97 in applicazione della Legge 82/94, si invitano gli associati a comunicare alla segreteria situazioni difformi alla citata norma, ovviamente circostanziando debitamente i fatti e fornendo le dovute oggettività.

Altresì, sono da evitare segnalazioni generiche, improprie, sommarie o prive delle necessarie evidenze. Anid, come ampiamente dimostrato anche in questo difficile periodo, oltre ad offrire il proprio contributo al “sistema Paese” collaborando fattivamente con le Autorità, resta comunque al servizio dell’intera categoria, e non per sterili “interessi di bottega”, ma perché difendere la legalità significa tutelare la salute e l’ambiente.

In tal senso, Anid ritiene che il fine di una associazione di categoria non è produrre della vuota burocrazia, ma compiere azioni concrete a sostegno e salvaguardia dei professionisti del settore. A riprova di ciò vi sono le iniziative intraprese nei giorni scorsi, con le quali Anid, oltre ad avversare l’improvvisazione imperversante sul mercato, ha di fatto dato voce e tutelato tutte le aziende professionali, associate e non, guadagnando il riconoscimento anche dalle Autorità di riferimento. Anid - conclude la nota - dall’inizio dell’emergenza “Covid-19”, ha fatto propria la responsabilità di preservare la salute dei cittadini e la sicurezza dell’ambiente, ed è stata in prima linea al fianco dei veri professionisti di un settore che non gode dell’attenzione dei “mass media” ed è spesso misconosciuto, ma il cui valore è prepotentemente emerso con l’emergenza in corso, quando si è rivelata la vera importanza della competenza nell’erogare servizi di sanificazione, sia negli ambienti ad alto rischio, quali gli ospedali e le strutture sanitarie, sia negli altri ambienti di lavoro»

TAG
sanificazione coronavirus calabria

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: