domenica 10 maggio 2020   18:02

Rondini in tempo di pandemia: libertà da invidiare col naso all’insù

Una poesia in dialetto calabrese per celebrare il volo di questi uccelli che tornano a riempire i celi dei nostri paesi dove riecheggiano dei loro richiami

67 condivisioni

Non solo simbolo della primavera. In tempi di pandemia da coronavirus, le rondini sono anche l’immagine della libertà di movimento, apparentemente senza motivo se non quello di godere del piacere di volare e di disegnare nell’aria loro arabeschi. Una poesia in vernacolo calabrese che celebra la bellezza delle loro evoluzioni.

 

Liberi vannu

(di Rocco Greco)

E su’ jornàti, comu vôli Dio,
Di la stagioni chi t’allarga u cori
‘A natura no’ sind’accorgìu
Di ‘stu burdèllu, di cu camba o mori.


I lindanèj tornaru a rallegrari
I chjàzzi e i strati di chistu paìsi
Gìranu ‘ndornu, senza mai posàri
‘Ngèlu pittàti pari ca su’ ‘mbisi.


L’omani vannu pe’ li strati, afflitti
Stricàndu muru muru pe’ la via
L’unu cu’ l’atru si guardanu sospetti
Pe’ la paura di la malatìa.


Vòlanu ‘acèji , supra chista gendi,
Liberi vannu senza ‘mbedimènti!


Lindanèj = rondinelle;
Ngèlu = in cielo;
Stricàndu = strusciando;
‘Acèji = gli uccelli

TAG
calabria dialetto calabrese

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: