venerdì 4 settembre 2020   23:03

Beppe Fiorello in Calabria per il film “L'afide e la formica”: al via le riprese

La regia sarà del lametino Mario Vitale e proprio Lamezia Terme farà da sfondo alle vicende raccontate nella pellicola. L'attore protagonista: «Racconteremo un'altra Calabria, oltre lo stereotipo della terra di mafia»

di Redazione
8138 condivisioni

«Sono sicuro che sarà un ottimo lavoro e Lamezia Terme sarà determinante, non solo come punto lavorativo ma anche dal punto di vista organizzativo». Così Giuseppe Fiorello nel corso della conferenza stampa di presentazione de "L'afide e la formica", il film - le cui riprese inizieranno domattina a Lamezia - che, prodotto dalla Indaco film di Luca Marino e diretto dal giovane regista lametino Mario Vitale, vede protagonista l'attore.

 

Film, che come ha scritto Fiorello sul suo profilo twitter, parla di «un professore di educazione fisica, una ragazza musulmana nata in Calabria, una vita spezzata, la scuola, la maratona come metafora della vita e non solo ...».

 

L'attore, intervenuto telefonicamente «per rispettare il protocollo che il cinema ha emanato» a causa del Covid, si è detto «colpito dalla meravigliosa storia dell'unificazione di Lamezia Terme» e «felice di poter continuare il percorso di ricerca che sto facendo sulle zone del mio Paese che, purtroppo, ancora vivono di stereotipi. Far sapere al mondo che esiste un'altra Calabria, una terra che ha dato i natali a tanti eroi anche del quotidiano, perché non possiamo andare avanti con lo stereotipo di una Calabria fatta di criminalità. Scovare e trovare l'altra faccia della medaglia. La Calabria mi sembra stia vivendo un momento di grande volontà. Sento una nuova generazione che ha la forza di aprire questa porta chiusa da secoli sul tema dell'atteggiamento delle persone, della mentalità, del modo di concepire la vita, a differenza della mia generazione che è stata un po' rassegnata. Questa generazione si sta appassionando alla storia di questa parte del Paese dove è nata la cultura, la bellezza».

 

Entrando nel merito del film Giuseppe Fiorello è stato chiaro: «Mi sono fidato di Mario Vitale perché ho sentito la sua bontà d'animo e la sua professionalità. Mi ha scelto perché ero adatto a questo ruolo e non per convenienza».

 

Vitale, apparso particolarmente emozionato, ha evidenziato: «Abbiamo trovato tanto affetto in città e questo è importantissimo ed io vorrei ricambiarlo a tutti voi e spero di poter realizzare qualcosa di cui si potrà andare orgogliosi insieme. Ci sono persone della troupe che giungono da varie parti d'Italia e stanno rimanendo affascinate da ciò che la nostra città offre: luoghi che per noi, forse, sono normali perché siamo abituati a vederli, ma che hanno il loro fascino come, ad esempio, il 'ponte di Sant'Antonio' con quelle colonne che prima erano l'ingresso della città o come il rione del 'Timpone' con tutta la sua storia».

 

E dell'affetto dei lametini ha anche parlato il produttore Luca Marino, secondo il quale «la gente con il cuore ha sposato in toto questo progetto che avrà anche una forte ricaduta in termini economici sul territorio». L'assessore Giorgia Gargano ha descritto il film di Mario Vitale come «uno degli eventi di punta per Lamezia Terme che abbiamo preso con entusiasmo subito dopo la proposta». Mentre il sindaco, Paolo Mascaro, ha rimarcato che il bene per Lamezia prescinde dal ritorno economico, che pure ci sarà, in quanto sarà un film che farà vedere la bella immagine di questa città». Il film, patrocinato dal comune, ha ottenuto il sostegno anche del Mibact, della Rai e della Film Commission Calabria.

TAG
lamezia terme beppe fiorello mario vitale

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: