martedì 15 settembre 2020   22:30

Patto per l’Export, settima tappa del roadshow virtuale in Calabria e Campania

Illustrate le strategie di sostegno pubblico alle imprese che operano o intendono inserirsi nei mercati internazionali

di Redazione
5 condivisioni

Si è svolta ieri pomeriggio la settima tappa del ciclo di roadshow virtuali dedicati alla presentazione del Patto per l'Export, organizzati dal ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale (Maeci), dall'Agenzia Ice e Sace Simest, in collaborazione con la Conferenza delle Regioni e Unioncamere. I rappresentanti del Maeci, delle due Regioni, delle Agenzie, di Promos Italia e di Unioncamere Calabria, hanno illustrato alle aziende partecipanti la strategia di sostegno pubblico alle imprese che operano o intendono inserirsi nei mercati internazionali attraverso risorse straordinarie messe a disposizione dal Governo per imprimere al sistema produttivo un nuovo slancio.

 

Il “Patto per l’Export” è stato sottoscritto tra il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale con quelli dello Sviluppo Economico, dell’Economia e delle Finanze, delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’Università e della Ricerca. E poi, ancora, con il ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, quello dell’Innovazione Tecnologica e della Digitalizzazione e gli altri membri della Cabina di Regia ed i rappresentanti del mondo imprenditoriale italiano. Un accordo che segna l’avvio di un nuovo metodo di lavoro, basato su tre principi: creazione di un punto di riferimento istituzionale unitario, al servizio del Sistema Paese; coordinamento delle azioni ed esecuzione tempestiva; monitoraggio trasparente e adeguamento costante.

 

Nel corso del roadshow, il presidente Klaus Algieri ha parlato dei servizi del sistema camerale e, in particolare, delle Camere di commercio della Calabria a sostegno dell’export in un momento di crisi che ha visto una flessione delle esportazioni pari al -15,3% nei primi sei mesi dell’anno, anche se in chiara attenuazione col passare del tempo soprattutto nell’Ue e soprattutto per i beni strumentali. «La Calabria – ha ricordato Algieri – forse anche per i livelli di partenza più bassi, è riuscita a contenere le perdite meglio di molte altre regioni, fermandosi al -11,6% e mettendo a segno risultati addirittura positivi per la filiera agroalimentare, uno dei punti di forza della Calabria. Iniziative come queste sono un fondamentale momento di incontro tra imprese e istituzioni, un’occasione per farsi capire ma, soprattutto, per cercare di capire le imprese e le loro reali necessità, così da indirizzare al meglio e più consapevolmente le politiche di sostegno al Made in Italy».

 

Sono intervenuti all’incontro, Stefano Nicoletti, Vice Direttore Centrale per l’Internazionalizzazione del Maeci, Manlio Di Stefano, sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e alla Cooperazione Internazionale, Valeria Fascione, assessore Internazionalizzazione, Start up, Innovazione della Regione Campania, Fausto Orsomarso, assessore Sviluppo economico, industria, piccola e media impresa della Regione Calabria, Carlo Ferro, Presidente Ice, Stefano Bellucci, Responsabile Segmento PMI SACE, Francesco Tilli, Chief external relations officer SIMEST, Federico Maria Bega, Chief Strategy Officer Promos Italia, Klaus Algieri, presidente Unioncamere Calabria.

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: