venerdì 18 settembre 2020   18:31

È calabrese il nuovo vicepresidente del Consiglio di Giustizia tributaria

Si tratta di Antonio Gaetani che entra a far parte dell'organo di autogoverno nazionale dei giudici tributari presieduto da Antonio Leone

di Vincenzo Alvaro
62 condivisioni

Avvicendamento in seno al Consiglio di presidenza della Giustizia Tributaria (Cpgt), presieduto da Antonio Leone. Il calabrese Antonio Gaetani, originario di Cassano all’Ionio già componente dell’organo nazionale nel corso della consultazione elettorale del 24 Giugno 2018, è stato eletto nuovo vice presidente insieme ad Edoardo Cilenti.

Le designazioni, che si completano con il rinnovo di tutte le commissioni della struttura, giungono in un momento delicato, contraddistinto non solo dalla fase emergenziale ma anche dal dibattito sulla riforma fiscale e del contenzioso tributario. Il riassetto è stato votato all’unanimità nel corso del Plenum.

Chi è Antonio Gaetani

Il neo vicepresidente calabrese della Magistratura Tributaria italiana dal 1990 ha ricoperto il ruolo di giudice tributario, prima presso la Commissione di I° Grado di Castrovillari e poi presso la Commissione Tributaria Provinciale di Cosenza. Dal 2014 e sino all’elezione al Cpgt è stato vice presidente di sezione e ha ricoperto anche l’incarico di presidente di sezione facente funzioni.

Dopo la sua elezione diversi i messaggi di auguri, di compiacimento e di buon lavoro per il prestigioso ruolo assegnato dall’organo di autogoverno nazionale dei giudici tributari sono pervenuti da vari rappresentanti istituzionali, dal mondo dell’associazionismo, della cultura, della chiesa e della società civile, ma soprattutto dal mondo della giustizia tributaria.

Il Cpgt è composto da undici componenti, che ogni quattro anni vengono eletti dai giudici tributari tra i componenti delle Commissioni Tributarie e da quattro componenti eletti dal Parlamento. «I lunghi anni vissuti intensamente nell’amministrazione della Giustizia Tributaria – afferma Gaetani - mi hanno consentito di maturare significative ed arricchenti esperienze professionali e, nello stesso tempo, di intessere una serie di rapporti di amicizia e condivisione di percorsi comuni, sicuramente aldilà dei miei modesti meriti, con alte personalità della giurisdizione tributaria».

TAG
cassano allo ionio giustizia cosenza

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: