giovedì 24 settembre 2020   13:41

Corigliano Rossano, escalation criminale in città: amministrazione preoccupata

Auto incendiate e atti intimidatori. In agenda c'è la convocazione del Comitato per l'ordine e la sicurezza

di Matteo Lauria
53 condivisioni

Recrudescenza criminale: sul tavolo dell’Amministrazione comunale la richiesta della convocazione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica. La decisione è al vaglio della Giunta Stasi. E, d’altronde, gli eventi, ormai costanti, lo richiedono. Troppe le auto date alle fiamme negli ultimi mesi, una media impressionante: quasi una al giorno. Diviene persino difficile districare il bandolo della matassa da parte degli investigatori. Spesso nel mirino finiscono gli imprenditori, ma il filone del bracciantato agricolo e del caporalato non è da escludere, così come la gestione del business della droga. Ma, sullo sfondo, rimane in piedi l’ipotesi di una lotta intestina per la gestione del territorio più complessivamente, a partire dal capitolo delle estorsioni, verso cui indaga direttamente l’antimafia di Catanzaro.

 

L’antimafia e il capitolo delle estorsioni

Qualche giorno fa, sono scattate le manette nei confronti di Domenico Russo nel mirino della “mala”. Nel gennaio scorso nei pressi del castello ducale a Corigliano gli vennero scaricati addosso ben quattro colpi di pistola. Riuscì a scamparla. Forse un regolamento di conti, o altro. Non è dato sapere. Ora, però, proprio per lui sono scattate le manette, e deve rispondere di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Negli ultimi due anni il bilancio in città è davvero raccapricciante: 5 morti ammazzati e 2 lupare bianche

La risposta dello Stato

Uno dei punti cardini della lotta al crimine organizzato è la presenza dello Stato. Su questo versante sono in corso procedimenti, non ancora ultimati, di elevazione delle compagnie dei Carabinieri di Corigliano e di Rossano a Reparto anche se si auspica il Gruppo (prevede, oltre all’alto ufficiale al comando, anche un potenziamento di uomini e mezzi), mentre per il commissariato di pubblica sicurezza si è ancora in attesa della elevazione a Distretto. Anche se, una delle rivendicazioni più significative ruota attorno alla riapertura dell’ex tribunale di Rossano, che sarà della Sibaritide, verso cui pure il procuratore antimafia Nicola Gratteri ha espresso positiva valutazione.    

Sottodimensionate anche le strutture di soccorso

Sotto organico anche le strutture di soccorso, in particolare sul fronte sanitario in cui si rinvengono ambulanze datate, personale ridotto e, in alcuni casi, persino senza medici del 118. Si attende, invece, l'elevazione di categoria del distaccamento dei vigili del fuoco di Corigliano Rossano che prevede l'adeguamento di altre 8 unità aggiuntive.    

TAG
corigliano rossano cosenza flavio stasi

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: