domenica 25 ottobre 2020   23:10

L'ultima intervista di Jole Santelli al giornale tedesco Der Spiegel prima di morire

Un reporter del più importante settimanale tedesco aveva intervistato la governatrice poche ore prima del decesso nella sua casa di Cosenza. Ecco la traduzione integrale del servizio

di Redazione
1098 condivisioni

L'ultima intervista di Jole Santelli prima di morire. È quella che la presidente della Regione ha rilasciato a Der Spiegel, uno dei settimanali tedeschi più importanti.

 

Di seguito la traduzione integrale del servizio che Der Spiegel ha dedicato alla Governatrice.

Di Frank Hornig

Necrologio di un politico straordinario

L’EREDITÀ DI JOLE SANTELLI 

Jole Santelli ha rilasciato la sua ultima intervista a Der Spiegel. Poche ore dopo è morta. Ricordi di un politico che sapeva davvero combattere.

Poche ore prima che Jole Santelli morisse, ha rilasciato la sua ultima intervista. L'appuntamento è avvenuto con breve preavviso. Il cellulare ha squillato alle 9.55 del mattino. Al telefono Eva, la sua collaboratrice. Il capo del governo della Calabria, ha detto, era pronto a parlare con lo Spiegel quella sera stessa. Punto d'incontro: il suo appartamento privato nella città calabrese di Cosenza.

L’intervista dovrebbe riguardare il modo in cui il Coronavirus sta cambiando l'Italia. Soprattutto: come attacca l'economia e distrugge i mezzi di sussistenza di innumerevoli persone.

La Calabria è un luogo interessante per studiare questo effetto, la regione è in fondo alla punta dello stivale italiano, è tra le più povere del Paese ed è tradizionalmente nota per i crimini della 'ndrangheta, per le cipolle rosse e i limoni. Si può dire: la Calabria stava già male prima. E la pandemia non ha migliorato la situazione.

Jole Santelli, una carismatica politica del partito di Berlusconi, Forza Italia, ha vinto le elezioni regionali solo a gennaio. Era una donna insolita che sembrava fuori dal tempo, proprio come il suo partito, che da tempo si stava ridimensionando: mentre agitatori come Matteo Salvini dominano il campo di destra in Italia con slogan ad alta voce, Jole Santelli si è affidata a toni moderati.

E quando Forza Italia ha ottenuto solo il sei o sette per cento di consensi a livello nazionale, lei ha ottenuto una grande vittoria in Calabria. Ha celebrato la serata elettorale con una danza popolare, la tarantella.

 

«Santelli ha dovuto lottare»

Poche settimane dopo, il Covid-19 aveva cambiato tutto. Tutti sapevano che il malato sistema sanitario calabrese non sarebbe stato in grado di far fronte a un afflusso di malati come quello della ricca Lombardia. E le società del Sud avevano ben poco per contrastare l'incombente recessione.

Santelli ha dovuto lottare. Per la sua regione. E allo stesso tempo, come si è scoperto dopo, per la sua vita.

Alle 18 si apre la porta del suo salone privato. La camera è arredata con mobili classici, c'è un pianoforte, arte contemporanea è appesa alle pareti, motivi di corallo e ceramiche aggiungono colore locale.

Jole Santelli è sdraiata sul divano e fuma. Indossa un completo da jogging nero, il suo viso sembra più stretto che nelle foto, una coperta si avvolge intorno ai suoi piedi e le pantofole nere di peluche sono sul pavimento. Saluta il visitatore con un'espressione amichevole, quasi di scusa; il suo sguardo è un po’ fatalista e allo stesso tempo divertito, come se chiedesse la tua comprensione per l'insolita situazione del colloquio.

Ma le sue parole difficilmente possono essere ascoltate. Il presidente, come è il saluto ufficiale, parla sottovoce. Per un'ora rilascia un'intervista mozzafiato che a volte può essere compresa solo perché un consigliere politico e il suo addetto stampa, entrambi presenti, ripetono frasi particolarmente basse in italiano più forte.

Santelli, spiegano i due, quando il loro capo è uscito un attimo dalla stanza, aveva partecipato al Giro d'Italia. In montagna, a 1.500 metri sul livello del mare, faceva freddo, lì ha contratto un'infezione e ha perso la voce. Quindi niente di serio. Paura del Coronavirus? No, no, sussurra il politico quando torna in salotto e si sdraia di nuovo sul divano, il collo è il suo punto debole.

Cosa c'era di peggio nei primi mesi della pandemia, la paura di un'ondata di contagio incontrollabile che si è riversata da Bergamo e Milano a Sud? O la paura di un crollo, di un effetto domino economico in cui un'azienda cade dopo l'altra? «Erano entrambe le cose allo stesso tempo», dice Santelli.

Ha parlato delle difficoltà del sistema sanitario, dove l'Italia aveva risparmiato troppo. «Il denaro è sempre stato fondamentale» , dice. Poi si tratta dell'aiuto di cui hanno urgentemente bisogno pizzaioli, gelaterie e piccoli albergatori, e della stagione estiva, che nonostante tutto è andata bene, «benissimo», sussurra sorridendo Santelli.

Si sta lentamente facendo buio fuori dalla finestra del balcone. I clacson delle auto possono essere ascoltati dalla strada e i canti della chiesa si diffondono dolcemente.

Il presidente tossisce, ha acceso un'altra sigaretta, sulla cui punta si forma una lunga cenere; appena in tempo il consigliere si precipita al divano e porge un portacenere. Santelli ora sta parlando di ciò che è più importante per lei. L’Italia. L'apparentemente eterno, quasi fatale, ruolo perdente del povero Sud. E l'atteggiamento arrogante e condiscendente del ricco Nord. Cerca di pronunciare le parole che sono particolarmente importanti per lei, come meglio può, un po’ più forte.

«Kohl», sussurra Santelli, «la riunificazione». I tedeschi hanno investito molto e alla fine hanno investito con successo nell'unità, dice.

Il suo paese d'origine, tuttavia, non è riuscito a fare qualcosa di simile. «L'Italia non ha mai risolto il problema del Sud».

Nemmeno il leader del suo partito, Silvio Berlusconi, il premier di lunga data, che ha servito come sottosegretario di Stato a Roma? «Non ci è riuscito».

Perché? «La classe dirigente del Paese viene sempre dal Nord», sussurra, «questa classe non ha mai visto che il Sud è importante per il Nord, questa classe crede che il Sud costi sempre denaro».

È una triste storia che ha attraversato la storia e la letteratura d'Italia da quando Garibaldi e Vittorio Emanuele II unirono la nazione circa 160 anni fa. Si tratta di un Sud rassegnato e arretrato che non crede al proprio futuro, che è "stanco e sfinito" e rimane in un eterno "sonno crepuscolare", come il personaggio di fantasia "Il Gattopardo", nell'epopea di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, ambientata nella vicina Sicilia dice. Santelli era un gattopardo scoraggiato ed esausto?

«Nascose le sue condizioni»

Più tardi avrei letto sui giornali che Jole Santelli aveva il cancro da anni e che i tumori la turbavano. È un'intervista straordinaria e memorabile quella che ci ha concesso quella sera. Nessuno nella stanza si sarebbe aspettato la sua morte imminente; Santelli ha dei piani, una settimana dopo vuole visitare il Festival del cinema di Roma, dove verrà proiettato un film sulla sua terra natale.

Nelle sue ultime ore, Santelli è una donna che coraggiosamente maschera le sue condizioni con il raffreddore. Non mostra segni di disperazione e parla solo dei suoi disturbi fisici per pochi secondi, ha in mente cose più importanti. «Oggi abbiamo la storica occasione per risolvere una volta per tutte il problema del Sud». La sua ultima speranza è nell’Europa. Devono affluire in Italia più di 200 miliardi di euro dal Recovery fund.

L'unica cosa importante è che Roma non si intrometta, perché il governo della Capitale non ha ancora trovato una risposta ai problemi economici. A proposito, potrebbe condividere le preoccupazioni di alcuni tedeschi che i miliardi dell'Ue potrebbero essere sperperati da Roma. «I tedeschi hanno ragione! Anch'io ho queste preoccupazioni!».

Tuttavia, la Calabria non dovrebbe essere punita per questo. La stessa Santelli non parla di eredità, solo a posteriori sembra che descriva quello che potrebbe essere il progetto per lei più importante per il futuro: il ponte tra la Calabria e la Sicilia, attraverso lo Stretto di Messina.

È un simbolo del grande sogno dell'Europa meridionale, un sogno che si è infranto molte volte.

 

Il ponte è stato discusso e progettato per 50 anni, ma non è mai stato costruito. «Altrimenti non saremmo in Italia», scherza Santelli. Ma ora, così puoi capire le sue ultime parole, i tempi sono maturi, ora il ponte e le migliori vie di circolazione attraverso la Calabria possono riportare il Sud a quello che era nel lontano passato: un centro economico e culturale dell'Europa.

La mattina dopo le agenzie riportano la morte del politico. Jole Santelli è morta nel suo appartamento la notte del 15 ottobre a causa di un'emorragia interna dovuta al cancro. Aveva 51 anni.

TAG
jole santelli regione calabria

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: