venerdì 30 ottobre 2020   13:05

Call center a Catanzaro, lo striscione dei sindacati sotto la sede dell'Abramo costumer care

L’organizzazione dei lavoratori chiede all'azienda maggiore trasparenza. I lavoratori hanno percepito solo il 70% delle spettanze senza sapere entro quando riceveranno la restante parte

5 condivisioni

Uno striscione - come atto dimostrativo e di protesta da parte del sindacato Ugl Telecomunicazioni - è stato collocato sotto la sede degli uffici dirigenziali dell’Abramo costumer care di Catanzaro. «Tante parole, nessun investimento = Stipendi al 70%» sono queste le parole scritte sul cartellone. L'organizzazione, infatti, lamenta lo stato di incertezza in cui versano i lavoratori che hanno percepito solo il 70% delle spettanze senza sapere, ad oggi, quando verrà saldata la restante parte.

 

«Da quasi due anni – si legge nella nota dei sindacati - la nostra organizzazione sollecitava un cambio di rotta alla proprietà aziendale e dopo un anno di attesa, finalmente, l'azienda aveva presentato un Piano industriale. Tuttavia - aggiungono - dopo la presentazione si è verificato l'ennesimo cortocircuito». Il tutto  è culminato nella «doccia fredda» per i lavoratori con l'iniziale differimento degli stipendi e successivamente il pagamento ridotto del 30%.

 

Il sindacato chiede chiarezza all'azienda affinchè renda partecipi i dipendenti su quali siano le reali possibilità di stare sul mercato e sulle condizioni d'investimento per il futuro, nonostante vi sia piena consapevolezza delle difficoltà del periodo relative al Covid-19. L'obbiettivo è quello di spronare la proprietà e l'attuale management ad iniziare un confronto che consenta di uscire da una situazione di stallo. 

 

TAG
sindacati catanzaro

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: