mercoledì 25 novembre 2020   12:30

Coronavirus a Cariati, continua il sit in di protesta per la riapertura dell’ospedale

VIDEO | La nuova ala del presidio potrebbe ospitare 100 posti letto per pazienti Covid a bassa intensità 

di Matteo Lauria
148 condivisioni

Settimo giorno di occupazione per i manifestanti che rivendicano la riapertura del presidio ospedaliero Vittorio Cosentino, con una sua storia prestigiosa alle spalle, e ridotto da oltre 10 anni a punto di primo intervento e a un assemblaggio di ambulatori.

 

Accanto allo storico presidio, negli anni ‘90, con i fondi dell’edilizia sanitaria (ex art.20) venne realizzato un corpo di fabbrica aggiuntivo su tre livelli, dotato di tutti i comfort, e destinato alla degenza, con gas medicali e posti letto ma, nel corso degli anni, non venne mai usato per lo scopo.

 

Oggi, dicono i manifestanti, potrebbe ospitare pazienti Covid paucisintomatici o a bassa intensità. E invece, si pensa a costruire gli ospedali da campo. La principale rivendicazione, tuttavia, rimane l’inserimento del Vittorio Cosentino nella rete ospedaliera e il potenziamento di personale sanitario

 

Si tratta di un presidio che, se riaperto, potrebbe offrire prestazioni a una vasta porzione di popolazione che include il basso jonio cosentino, le aree della Sila Greca e dell’alto crotonese. E potrebbe rivelarsi utile a sgravare l’enorme carico di lavoro concentrato sullo spoke di Corigliano-Rossano.  

 

 

 

 

TAG
cariati corigliano rossano cosenza

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: