venerdì 27 novembre 2020   15:55

Nella Sibaritide produzione di agrumi a rischio: chiesto lo stato di calamità naturale

VIDEO | Non solo Covid, gli agricoltori della zona danneggiati anche dalle condizioni climatiche avverse. E Coldiretti si rivolge al governo nazionale e regionale

di Matteo Lauria
157 condivisioni

Macchia d’acqua o water spot: è ciò che mette a rischio il 30% della produzione agrumaria. Provati un po’ tutti dalla problematica pandemica, i produttori della Sibaritide si sono ritrovati sul frutto un rigonfiamento saturo della buccia del clementine. Il danno si verifica durante le piogge invernali e la progressione della malattia dipende dalle condizioni ambientali.

 

Il presidente di zona Coldiretti Rossano Antonello Fonsi ha avviato le procedure al fine di avanzare la richiesta dello stato di calamità naturale, l’immediata moratoria dei debiti in corso, e un fondo di garanzia per la ristrutturazione della massa debitoria accumulata con un ammortamento a 30anni e un pre-ammortamento di 5 anni. Inoltre, l’associazione chiede l’attuazione del piano agrumicolo che consente la diversificazione e prolungamento temporale delle produzioni.

TAG
coldiretti sibaritide cosenza agricoltura calabria

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: