martedì 1 dicembre 2020   10:10

Cosenza, ospedale da campo presto in funzione: già stasera i primi trasferimenti di pazienti

VIDEO | Riunione operativa per completare le procedure burocratiche. Entro poche ore la struttura militare potrà accogliere i positivi in attesa di un letto nel pronto soccorso dell'Annunziata. Intanto cresce il numero delle vittime in provincia (ASCOLTA L'AUDIO)

di Salvatore Bruno
128 condivisioni

È in corso negli uffici della Direzione sanitaria dell'Azienda Ospedaliera di Cosenza, una riunione operativa presieduta dalla commissaria Giuseppina Panizzoli, per la definizione delle modalità di trasferimento dei pazienti Covid dal pronto soccorso dell'Annunziata all'ospedale militare allestito nella zona dello scalo ferroviario di Vaglio Lise.

Verso ultimazione delle procedure

Secondo quanto si è appreso, sarebbe già stata completata la fornitura di farmaci richiesti dall'esercito mentre sarebbero in fase di ultimazione le procedure per ampliare i servizi informatici, quelli di fornitura dei pasti e all'inservientato, alla copertura assicurativa ed alla raccolta dei rifiuti speciali tutti relativi ai reparti della tensostruttura militare, che costituiscono a tutti gli effetti una articolazione dell'Annunziata stessa.

In attesa del semaforo verde

Questa accelerazione potrebbe consentire già questa sera l'avvio dei trasferimenti a Vaglio Lise di soggetti positivi al coronavirus, bisognosi di terapie ospedaliere. Con ogni probabilità la staffetta sarà affidata alle ambulanze del 118.

Ancora sei vittime nella provincia

Intanto cresce ancora il bilancio delle vittime. In provincia di Cosenza ha toccato quota 122. L'ultimo bollettino riferisce di sei decessi: di cui tre al pronto soccorso, uno in rianimazione, uno all'ospedale di Cetraro, uno al Santa Barbara di Rogliano. A perdere la vita degenti di età compresa tra i 68 ed i 94 anni.

TAG
cosenza coronavirus calabria ospedale cosenza

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: