martedì 7 novembre 2017   14:05

Piano investimenti: a Lamezia Terme si parla d'Europa

Oggi nella sede Unioncamere i rappresentati di diversi settori del mondo istituzionale, sono stati chiamati a raccolta per accelerare lo sviluppo del territorio.
di Rosaria Giovannone
Condividi

L’Europa tuona con il piano Junker per gli investimenti e la Calabria cammina a passo di lumaca. Oggi nella sede Unioncamere di Lamezia Terme, i rappresentati di diversi settori del mondo istituzionale, sono stati chiamati a raccolta per accelerare lo sviluppo di un territorio che deve fare i conti con rallentamenti forzati.

 

All’incontro dal titolo “Il piano europeo degli investimenti. Interazioni e addizionalità con i programmi operativi regionali 2020. Quali opportunità per la Calabria?”, si è parlato alle imprese calabresi senza troppi ma e troppi sé.

Il monito di Anci Giovani

Il Coordinatore nazionale Anci giovani, Gianluca Callipo, dopo aver ribadito il suo entusiasmo a partecipare al dibattito, è andato al nocciolo della questione.  

 

«Quando parliamo di opportunità, di fondi comunitari, dobbiamo considerare la macchina che abbiamo a disposizione. Un mezzo che non è sempre pronto a correre perché si hanno dei ritardi anche nella pubblicazione dei bandi. Diventa così difficile poter recuperare nelle fasi successive».

 

Per il sindaco di Pizzo tutto il sistema va messo a regime: «Chiediamo alla Regione Calabria maggiore supporto. Ognuno deve fare del suo meglio per utilizzare bene i fondi ed evitare rallentamenti».

No alla Zes 2: Grave errore per lo sviluppo del territorio

L’assessore alle Attività Economiche della città di Catanzaro, Alessio Sculco, ha sottolineato l’importanza di fare rete tra istituzioni e sulla Zes 2, dichiara: «poteva essere un’occasione di sviluppo e invece non c’è stata concessa… ancora mi chiedo perché?. Doveva essere prevista a monte».

Il piano Junker

A parlare di Europa ci ha pensato Daria Ciriaci, Consigliere Economico, Rappresentante in Italia della Commissione Europea: «Nella nostra Penisola sono stati approvati  già 91 progetti per più di 5 miliardi di finanziamenti che si prevede attiveranno più 33 miliardi di investimenti aggiuntivi».

 

La strategia portante del Piano Junker prevede, per uscire dalla crisi, interventi in tre ambiti: mobilitare investimenti per almeno 315 miliardi di euro in tre anni; sostenere gli investimenti nell’economia reale; creare un ambiente favorevole agli investimenti. A questo scopo, il Piano sostiene gli investimenti nell’economia reale attraverso una serie di progetti con base in Europa, crea un ambiente favorevole eliminando le barriere agli investimenti e mobilita le risorse a livello sia pubblico che privato.

 

L’elemento cardine di quest’ultimo obiettivo è rappresentato dal Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), che promuove gli investimenti in progetti di infrastrutture e nelle piccole e medie imprese (PMI), anche in sinergia con Cassa Depositi e Prestiti in qualità di Istituto Nazionale di promozione per L’Italia.

 

All’evento hanno partecipato Fabio Massimiliano Canzoniere, Prresidente dell’ODCEC di Lamezia Terme; Loredana Panetta, Vice Presidente Associazione Eurokom; Irene Lupis Unioncamere Calabria, Enterprise Europe Network; Carmine Antonio Donato di SPIN Srl; Fabio Maisto, CDP Istituzioni Finanziarie – Cassa depositi e prestiti S.p.a. e Elena Domazaki, Board of Directors Member Creta Farms del progetto Cretafarm.

 

TAG
Europa investimenti Calabria lamezia terme

Articoli Correlati

Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: