martedì 9 ottobre 2018   06:45

Cinquant'anni di Unical, celebrazioni e dibattiti nel ricordo di Beniamino Andreatta

VIDEO | Dalla Legge istitutiva all'inizio delle attività didattiche, fino ai riconoscimenti dei giorni nostri, un percorso lungo mezzo secolo che ha garantito un futuro a migliaia di giovani calabresi

di Salvatore Bruno
15 condivisioni

Nel ricordo del suo primo rettore, Beniamino Andreatta, che fu anche parlamentare per sei legislature e più volte ministro, l’Università della Calabria ha festeggiato il cinquantenario della Legge istitutiva dell’ateneo di Arcavacata, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 22 aprile 1968. L'intera giornata di oggi, 8 ottobre, mella quale le attività didattiche sono state sospese, è stata dedicata al percorso lungo mezzo secolo che ha consentito a migliaia di giovani di costruirsi un futuro. Le celebrazioni erano cominciate con l’intitolazione del ponte sul Campagnano tra Cosenza e Rende, alla presenza di numerose autorità istituzionali. Poi nel pomeriggio la vedova di Andreatta, Giana Petronio, ha presentato un libro. Il racconto della giornata nel servizio e nelle interviste ai protagonisti. Nell’ordine Eleonora Andreatta, figlia dell’ex ministro, il rettore Gino Crisci, il vicesindaco di Cosenza Jole Santelli, il primo cittadino rendese Marcello Manna, l’assessore regionale alla cultura Maria Francesca Corigliano.

Le interviste

TAG
unical rende letta tau Cosenza

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: