giovedì 22 novembre 2018   12:30

Donne, società e lavoro. Inaugurata mostra fotografica a Reggio Calabria

Un momento di riflessione e crescita sociale su temi che riguardano la parità di genere, la promozione e la diffusione del rispetto verso ogni persona indipendentemente dal sesso, età e religione. Tra le opere esposte ci saranno quelle della pluripremiata artista Domenica Cosoleto 

di Redazione
3 condivisioni

Alle donne impegnate nella società e nel lavoro è stata dedicata una mostra di fotografia, inaugurata nel "Transatlantico" di Palazzo Campanella di Reggio Calabria. La mostra curata dai diversi fotografi della regione resterà aperta al pubblico, fino a domani, 23 novembre dalle ore 9 alle 19 . «L'iniziativa - ha spiegato Cinzia Nava, presidente della Commissione regionale per le Pari Opportunità in una nota del Consiglio regionale - è stata da noi promossa in sinergia con il Comitato pari opportunità dell'Ordine degli avvocati di Reggio Calabria (presieduto da Antonella Occhiuto), che partecipa alla mostra con una sua esposizione ed in particolare grazie alla collaborazione della commissaria Mariarita Stilo (anche nella qualità di componente della Crpo dello stesso Ordine). Ringrazio fra l'altro gli uffici amministrativi del Consiglio, l'artista Domenica Cosoleto, pluripremiata per le sue opere sul tema, che ha deciso di esporre le produzioni realizzate, nonché i fotografi che hanno offerto le foto».

 

Temi che richiedono impegno

Ugo Massimilla ha portato i saluti del presidente del Consiglio regionale, Nicola Irto, che non ha potuto partecipare all'inaugurazione per impegni istituzionali fuori regione il capo di gabinetto, affermando: «Ha lodato l'iniziativa poiché la cultura è la chiave di volta per affrontare questi temi che richiedono il massimo impegno da parte delle Istituzioni e della società civile. Quest'anno, la concomitanza con il Salone dell'orientamento a Palazzo Campanella consente di accrescere la fruibilità della mostra abbracciando una più vasta platea, a partire dai giovani. Ritengo che si debba proseguire su questo solco valorizzando le iniziative di sensibilizzazione su questi argomenti».

 

Una riflessione contro la violenza di genere

La presidente della Crpo, illustrando il senso dell’iniziativa, ha commentato: «Abbiamo inteso realizzare un ulteriore momento di riflessione sui temi che riguardano la parità di genere, la promozione e diffusione del valore del rispetto verso ogni persona indipendentemente dal colore, dal sesso, dall'età, dalla religione, dallo stato di salute ed il riconoscimento delle capacità della donna e del particolare contributo che la stessa può dare in termini di sensibilità ed attenzione alla crescita della società». Sulla stessa scia, il contributo di La Nava che ha aggiunto: «Siamo qui a ribadire il rifiuto di qualsiasi forma di violenza e prevaricazione, anche psicologica, perpetrata nei confronti delle donne e riteniamo come, rispetto a quest'emergenza, che ormai ha tragicamente quasi assunto i caratteri dell'ordinarietà, serva un processo culturale e un cambiamento di pensiero, a partire dai giovani che sono la speranza del domani ma anche gli artefici dell'oggi. Il problema - ha precisato – è prima di tutto legato all'educazione ed alla formazione poiché le leggi di contrasto alla violenza sono tante ma forse non abbastanza conosciute ed attuate così come è auspicabile incentivare su questo versante la formazione, compresa quella degli operatori della giustizia».

 

Un'acquisizione di valori importanti per la società

Per concludere la presentazione, la presidente ha spiegato che «accanto a questa iniziativa realizzata in vista del 25 novembre, giornata mondiale per l'eliminazione della violenza sulle donne, abbiamo distribuito alle quinte classi superiori della regione Calabria, segnalibri su cui è stampata la parola “rispetto”, considerato che la scuola è il luogo per eccellenza dedicato alla formazione dei giovani, contesto fondamentale, assieme alla famiglia, per l'acquisizione dei valori fondanti del vivere civile che li accompagneranno per tutta l'esistenza». In occasione del momento inaugurale della mostra sono intervenuti, fra gli altri, la delegata del prefetto di Reggio Calabria Eugenia Salvo, Antonella Occhiuto (presidente del Comitato Pari Opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Reggio), l'assessore alle Politiche Sociali e Pari Opportunità del Comune di Reggio Calabria, Lucia Anita Nucera, Antonia Stumpo (consigliera regionale di parità), la presidente dell'associazione "Non una di meno" Antonella Tassitano, Anna Comi (responsabile del Coordinamento pari opportunità Uil), Aldo Libri per il Sul (Sindacato unitario lavoratori) e l'artista Domenica Cosoleto.

TAG
fotografia palazzo campanella reggio calabria

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: