martedì 7 maggio 2019   12:15

Visita ginecologica senza consenso? È reato

Lo sottolinea la Cassazione che ha riaperto un processo ai danni di un medico di Novara, accusato da tre pazienti di aver agito in modo invasivo senza il loro permesso

di Redazione
16 condivisioni

Il consenso alla visita ginecologica non può mai essere dato per "implicito" dal medico che deve visitare una paziente, nemmeno se le "manovre" eseguite sono clinicamente corrette. Dunque, senza consenso la visita ginecologica è considerata reato. Lo sottolinea la Cassazione che ha annullato l'assoluzione, in appello, di un ginecologo Carlo G., medico ospedaliero a Novara, denunciato da tre giovani donne che, senza alcun bisogno nè alcuna spiegazione, erano state sessualmente «stimolate» dal camice bianco che ha sostenuto di voler verificare la loro reazione al «piacere» e di aver svolto il 'controllo' in «modalità corretta».

«Serve sempre il consenso esplicito»

In primo grado il camice bianco era stato condannato a 6 anni per violenza sessuale. Per gli ermellini «serve sempre il consenso esplicito e informato». Ora si riapre a Torino l'appello bis, il medico in primo grado, era stato condannato per il suo comportamento «a sorpresa» e «morboso». Prosciolto poi in appello perchè «le attività compiute» pur avendo «superato i limiti delle prestazioni richieste» - nessuna paziente voleva una consulenza sessuale - erano «comunque obiettivamente consentite».

Per la Cassazione, ogni volta che il ginecologo visita, deve chiedere il consenso «prima di procedere al compimento di atti incidenti sulla sfera di autodeterminazione della libertà sessuale». Si tratta di un «obbligo giuridico», ignorarlo è un reato penale, e nulla importa se il medico afferma di non aver «provato piacere».

TAG
visita ginecologica Cassazione sanita

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: