martedì 2 luglio 2019   19:03

Dimissioni Schael, Forza Italia: «Tinte fosche. Perché l’ha fatto?»

I deputati Jole Santelli e Francesco Cannizzaro hanno presentato un’interrogazione urgente al ministro della Sanità Giulia Grillo

di Redazione
17 condivisioni

«Quali sono i motivi che hanno spinto il sub commissario per la salute calabrese, Thomas Schael, a dimettersi dall'incarico, a soli pochi mesi dalla nomina?». È quanto chiedono di sapere i deputati di Forza Italia, Jole Santelli e Francesco Cannizzaro, in un’interrogazione urgente al ministro della Sanità, Giulia Grillo.


«Dalle vicende emerse in sede di conversione del Decreto Calabria a quella Schael - scrivono Santelli e Cannizzaro - emerge un quadro ombroso di contropotere nel settore sanità da parte dei 5 Stelle, dopo i disastri combinati per oltre un quadriennio dai manager nominati da Oliverio. C'è la sensazione di un disegno che parte dal Decreto Calabria e che, lungi dal voltare pagina rispetto a Oliverio, mira esclusivamente – proseguono i deputati di Forza Italia - alla sostituzione nei posti di potere».


Secondo Santelli e Cannizzaro, «Grillo deve spiegare perché Schael si sia dimesso e se c'entri qualcosa il contenzioso che aveva in essere con la Regione, poiché se così fosse la cosa sarebbe doppiamente grave. Con poteri incostituzionali e assoluti ancora non sono state approntate le misure immediate sugli organici estivi che saranno certamente in forte deficit con un aumento della domanda di servizi. Resta da capire chi aveva voluto la nomina di Schael, sconfessato più volte negli atti dal commissario Cotticelli, quale doveva essere il suo ruolo e perché si sia dimesso: un quadro a tinte fosche che – concludono i parlamentari di Forza Italia - getta ulteriori ombre sul futuro prossimo della nostra sanità».

TAG
Forza Italia Jole Santelli Francesco Cannizzaro thomas schael giulia grillo

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: