martedì 10 settembre 2019   11:47

Miasmi troppo forti dal depuratore di Gioia, sindaco sul piede di guerra

VIDEO | Manifestazione di protesta dei cittadini questa mattina davanti ai cancelli della Iam. Bloccati gli accessi alle autobotti

di Redazione
127 condivisioni

Manifestazione di protesta stamattina davanti ai cancelli della Iam la società che gestisce il mega depuratore di Gioia Tauro per protestare ancora una volto contro i cattivi odori che l'impianto emana soprattutto di sera e che avvolgono quasi tutta la città. I cittadini si sono dunque riversati davanti ai cancelli manifestando tutto il loro disappunto. Anche il sindaco di Gioia Tauro Aldo Alessio si è subito recato sul posto attivando la Polizia di Stato e l'Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria. Sono centinaia i cittadini ormai esasperati, tra i primi quelli del Quartiere Fiume che insieme al sindaco sono scesi in piazza annunciando di essere pronti a fare di tutto per fermare le autobotti dirette alla Iam alle quali stamattina è stato impedito l'accesso. Si tratta di autocisterne che provengono da molte regioni italiane cariche di liquami, di percolato prodotto in molte discariche del Sud e di altro materiale ancora che viene depurato a Gioia Tauro in forza di un'autorizzazione della Regione Calabria. Il primo cittadino ha comunicato di non aver avuto risposte dalla Iam e di voler dunque continuare ad oltranza con la protesta fino a quando la situazione non giungerà ad una soluzione.

TAG
depuratore gioia tauro reggio calabria

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: