lunedì 16 settembre 2019   21:31

Cosenza, la protesta dei precari della sanità continua anche di notte

I dipendenti della Coopservice proseguono nell'occupazione degli uffici dell'Azienda ospedaliera, invocando la mediazione del prefetto. Interrogazione parlamentare di Jole Santelli al ministro Speranza

di Salvatore Bruno
286 condivisioni

Hanno scelto di trascorrere la notte nella sede dell'Azienda ospedaliera di Cosenza, dopo aver occupato gli uffici di Via San Martino, con un'azione fulminea. Gli ottanta operatori socio sanitari in servizio tra le corsie dell'Annunziata, del Mariano Santo e del Santa Barbara di Rogliano sono rimasti per molte ore sul terrazzo dell'edificio. E non intendono cessare la protesta finché le istituzioni non individueranno una soluzione per evitare che, dopo 25 anni di precariato, siano licenziati e costretti a tornare a casa.  

Appello al Prefetto

I rappresentanti sindacali hanno chiesto al prefetto di avviare un tavolo di mediazione con il commissario ad acta Saverio Cotticelli e con la Coopservice, l'azienda appaltatrice dei servizi esternalizzati svolti dagli Oss, che ha deciso di rispondere alla mancata proroga di una parte dell'affidamento, in scadenza il 30 settembre, con la riduzione di personale. Intanto la coordinatrice regionale di Forza Italia Jole Santelli ha rivolto un’interrogazione urgente sulla questione al ministro Roberto Speranza chiedendo di arrivare alla definitiva stabilizzazione dei lavoratori interessati.

TAG
sanita precariato cosenza

Articoli Correlati

X
Contenuti sponsorizzati
Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: